Partner im RedaktionsNetzwerk Deutschland
Strona startowaPodcastyMuzyka
Radio 24 - Musica maestro

Radio 24 - Musica maestro

Podcast Radio 24 - Musica maestro
Podcast Radio 24 - Musica maestro

Radio 24 - Musica maestro

Dodaj

Dostępne odcinki

5 z 30
  • Haendel, il genio cosmopolita della musica barocca
    Tra i grandi musicisti del tardo barocco, Haendel è forse l'unico che possiamo considerare veramente europeo e cosmopolita. Nato in Germania, trascorse molto tempo in Italia per poi trasferirsi definitivamente in Inghilterra. Era un artista completo: compositore, organista, clavicembalista, impresario teatrale e organizzatore di eventi musicali. Eppure, al di là di una fama che non è mai venuta meno, in Italia mancava da tempo una biografia completa di questo grande musicista. Ora questa lacuna è stata colmata da Claudio Bolzan, critico musicale e storico della musica, che per l'editore Zecchini ha pubblicato"Haendel. Tra splendori teatrali e fasti cerimoniali. Vita e opere", un corposo volume che comprende anche tutto l'epistolario, per la prima volta proposto in italiano.I brani che ascoltiamo in questa puntata sono ‘Lascia la spina, cogli la rosa'dall'oratorio ‘Il trionfo del tempo e del disinganno' interpretato dal Philippe Jaroussky assieme all'ensemble Artaserse (dal cd Erato ‘La vanità del mondo'); ‘Gloria Patri' dal salmo ‘Dixit Dominus' eseguito dai solisti dell'English Baroque e dal Coro Monteverdi diretti da Sir John Eliot Gardiner (cd Decca); ‘Zadok the priest' eseguito dal Westminster Abbey Choir diretto da Martin Neary, (dal cd Sony ‘Millennium of music'); 'Hallelujah' dal ‘Messiah' eseguito dall'ensemble Concento Köln diretto da Renè Jacobs (cd Harmonia Mundi).
    9/25/2022
  • Il comune senso del pudore da Verdi a Puccini
    Nella Cenerentola di Rossini, andata in scena per la prima volta al Teatro Valle di Roma nel 1817, pare che Jacopo Ferretti, autore del libretto, avesse volutamente sostituito la famosa scarpetta della fiaba con un bracciale, dato che nell'Italia del primo Ottocento anche solo mostrare il piede di una donna avrebbe potuto essere causa di scandalo. Nel 1896 invece, alla prima della Bohème di Puccini al Regio di Torino, Musetta non si fa scrupoli a togliersi una scarpa e mostrare il piede nudo a Marcello per cercare di sedurlo. Nell'Italia del primo Ottocento ci sono argomenti come seduzione, sessualità, prostituzione, adulterio e malattia che non possono essere portati in scena senza ricorrere ad espedienti che li rendano accettabili. Ma nel giro di pochi decenni il rapporto tra morale e teatro subisce un'evoluzione radicale, allineandosi con gli stili di vita e i modelli sociali che si stavano affermando - commenta Federico Fornoni, musicologo, che per Olshki ha pubblicato il libro"L'opera a luci rosse. Seduzione e sessualità nel melodramma del secondo Ottocento".I brani che ascoltiamo in questa puntata sono ‘Possente amor mi chiama' dal ‘Rigoletto' nell'interpretazione di Luciano Pavarotti accompagnato dalla Vienna Philharmonic Orchestra diretta da Riccardo Chailly;‘Sempre libera' da ‘La Traviata' con Anna Netrebko assieme ai Wiener Philharmoniker diretti da Carlo Rizzi;‘Quando m'en vo' da ‘La Bohème' interpretata da Mirella Freni con l'Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino diretti da Daniel Oren;‘E lucevan le stelle' dalla ‘Tosca' intrepretata da Francesco Meli con l'Orchestra del Teatro alla Scala diretta da Riccardo Chailly.
    9/18/2022
  • A Bologna il primo Festival Ottorino Respighi
    Si svolgerà dal 16 al 23 settembre la prima edizione del Festival Ottorino Respighi Bologna, una serie di eventi dedicati al compositore che, pur essendo famoso in tutto il mondo per la cosiddetta ‘Trilogia romana' (‘Pini di Roma', ‘Fontane di Roma', ‘Feste romane'), era nato a Bologna ed è rimasto bolognese anche durante il lungo soggiorno romano e nel corso dei numerosi viaggi all'estero.Oltre a concerti con musicisti del calibro di Mischa Maisky o Ilya Gringolts, ci saranno visite guidate alla città e cene tematiche, assieme alla proiezione di un film muto con esecuzione dal vivo di brani adattati da musiche di Respighi - spiega Maurizio Scardovi, direttore artistico della manifestazione. Sarà inoltre possibile ascoltare ‘dal vivo' le partiture eseguite dallo stesso Respighi e incise su rulli che verranno suonati da un piano meccanico Vorsetzer.I brani che ascoltiamo in questa puntata sono il ‘Concerto Gregoriano' eseguito dall'orchestra The Philharmonia diretta da Mathias Bamert (cd Koch) e ‘La boutique fantasque' eseguita dall'orchestra dell'Università di Bologna diretta da Roberto Pischedda.
    9/11/2022
  • Nuove luci sul mistero del Miserere di Allegri
    L'11 aprile della 1770 all'interno della Cappella Sistina di Roma avviene l'incontro tra Wolfgang Amadeus Mozart, un ragazzino di 14 anni già destinato a fama immortale e Carlo Cristofari da Novara, un castrato da poco entrato a far parte dei Cantori della Sistina. In quell'occasione il giovane Amadeus assiste per la prima volta all'esecuzione del Miserere di Gregorio Allegri, un brano che poteva essere eseguito due volte l'anno solo dai Cantori e del quale era proibita ogni pubblicazione, pena la scomunica. Come si era ripromesso di fare prima del suo viaggio in Italia, la sera stessa il piccolo Amadeus riesce a trascrivere a memoria l'intera melodia – racconta Giacomo Cardinali, che nel suo libro "Il giovane Mozart in Vaticano. L'affaire del Miserere di Allegri" (Sellerio) (https://sellerio.it/it/catalogo/Giovane-Mozart-Vaticano/Cardinali/14040) ricostruisce tutti i particolari di questo straordinario episodio, a partire da un documento inedito ritrovato nella Biblioteca Apostolica Vaticana. Ascoltiamo il Miserere di Allegri in due esecuzioni dei Tallis Scholars di Peter Phillips, la prima del 1980, la seconda del 1994 (entrambe pubblicate dalla Gimell).
    9/4/2022
  • Novità discografiche: Duo Aetneo (violino, piano), Alessandro Crudele e la London Philharmonic Orchestra, Omar Tomasoni (tromba)
    Nella musica contemporanea c'è ancora spazio per la forma sonata? Ne sono convinti il violinista Alessio Nicosia e il pianista Antonino Spina, due giovani musicisti siciliani che hanno dato vita al Duo Aetneo, il cui repertorio si focalizza soprattutto su quei compositori italiani che, in controtendenza con le avanguardie musicali che hanno caratterizzato la musica del Novecento e che ancora si ritrovano in molta della musica attuale, si riallacciano invece alle forme della musica antica. Nel loro ultimo album, pubblicato dalla TRP Music, propongono tre sonate moderne: una composta da Nino Rota, una di Alessio Fuga e una scritta appositamente per loro dal compositore siciliano Matteo Musumeci. I brani che Alessio Nicosia propone per l'ascolto sono la ‘Sonata per violino e pianoforte' di Nino Rota e la sonata ‘Venti Cinque Venti op. 106' di Matteo Musumeci, il cui titolo si riferisce alla data di composizione. La seconda novità discografica proposta in questa puntata riguarda Ottorino Respighi ed è stata realizzata da Alessandro Crudele con la London Philharmonic Orchestra in un album pubblicato dalla Linn Records. Oltre all'opera più conosciuta di Respighi, 'Pini di Roma' (dalla quale ascoltiamo ‘I pini del Gianicolo'), in questa raccolta troviamo due lavori meno noti del compositore romano, ‘Impressioni brasiliane' e il balletto ‘Belkis regina di Saba' (dal quale ascoltiamo la ‘Danza orgiastica').Chiudiamo con uno strumento poco presente nelle discografie e nei repertori dei nostri teatri: la tromba. L'album che presentiamo si intitola ‘Intrada' (Channel Classics) ed è stato realizzato da Omar Tomasoni, dal 2013 tromba solista per il Concertgebouw di Amsterdam. I brani che ascoltiamo sono ‘Album leaf for trumpet and piano' di Boris Glazunov e ‘Rhapsody in blue' di George Gershwin.
    8/28/2022

Podobne stacje

O Radio 24 - Musica maestro

Strona internetowa stacji

Słuchaj Radio 24 - Musica maestro, RMF FM i wielu innych stacji z całego świata za pomocą aplikacji radio.pl

Radio 24 - Musica maestro

Radio 24 - Musica maestro

Pobierz teraz za darmo i słuchaj radia podcastów z łatwością.

Google Play StoreApp Store

Stacje w grupie